mostre

Condividi su: / Share this:
FaceBook  Twitter  

Procne, figlia di Pandione I re di Atene e sorella di Filomela, andò in sposa al tracio Tereo. Questi si innamorò della cognata Filomela, la violentò, la nascose in campagna e le tagliò la lingua perché non potesse raccontare alla sorella Procne l’accaduto. Ma Filomela, non potendo comunicare verbalmente, ricamò la sua vicenda su un peplo che fece avere alla sorella Procne; così le sorelle poterono organizzare la loro vendetta contro Tereo (Apollodoro, Bibl., III 14,8).

Artisti contemporanei al Museo Archeologico tracciano, intrecciano,ricamano un loro racconto inseguendo il filo della speranza che qualcuno lo veda, lo osservi, lo analizzi, lo metabolizzi e soprattutto lo condivida per poter, come fecero Filomela e Procne, trovare una comune soluzione.

Margherita Gilda Scarpellini, Direttore Museo Civico Archeologico

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo